Saturday, 10 March 2012

Raspberry Pi, buone e cattive notizie per il PC da 35$.


Conoscete il Raspberry Pi? Il piccolo PC da 35$ che una volta arrivato in Italia e distribuito tramite RS è andato a ruba in sole 2 ore? Certamente il costo e le specifiche la fanno da padrone quando si tratta di piazzare un prodotto sul mercato, ma la storia non finisce qui.

Cominciamo con le cattive notizie; la Raspberry PI Foundation ha fatto presente che ci saranno dei ritardi di produzione per il prossimo stock di Raspberry Pi. Il motivo, comunicato sul loro sito ufficiale, si riferisce ad un malfunzionamento delle porte ethernet (che potete osservare nella figura di apertura) installate in fase di produzione. In particolare, sembra che per un puro caso sia stato sostituito l'hardware di bordo, scambiando quelle che sarebbero dovute essere delle porte magnetiche (come riportato nello schema base) con delle altre che non lo sono (forse più economiche).


Il fatto è che la mancanza del magnetismo si traduce de facto nella mancanza di connessione di rete, rendendo il dispositivo inutilizzabile in rete, almeno tramite la porta lan per intenderci!


Nell'immagine precedente potete osservare la differenza tra la porta con i magneti e quella tradizionale senza, è un'immagine carpita usando i raggi X, nel connettore di sinistra i blocchetti in grigio in fondo alla porta sono i magneti, palesemente assenti in quella di destra.

Ora ci stanno lavorando su, ma rimane inevitabile il ritardo di produzione, che si spera verrà risolto al più presto.

Veniamo alle buone notizie; bhe ce ne sono di vario genere, ma quella che vogliamo riportare visto che qui da noi abbiamo un occhio di riguardo per il design è quella della comparsa di un case dove alloggiare il nostro Raspberry non appena tornerà in vendita. Se ne vedono di tutti i colori in giro per la rete, molte soluzioni sono piuttostro semplici, ma il designer Marco Alici (un nome italiano tanto per cambiare) ha disegnato un custom case usando un programma libero che ovviamente tutti conoscete, blender, e reso disponibile il progetto tramite la comunità Shapeways, un marketplace online per la stampa 3D artigianale. Alici sta aspettando la sua copia del case dal market, per cui a breve potremo vederlo dal vivo, per ora vi lascio all'immagine sottostante.


Di seguito il video che presenta le potenzialità di Raspberry Pi, per ora è tutto, se vi fossero aggiornamenti vi terremo informati.


No comments:

Post a Comment